Maureen F. McHugh


Maureen F. McHughMaureen F. McHugh è una scrittrice statunitense poco conosciuta e soprattutto poco tradotta in Italia.
Nella breve autobiografia riportata nella sua homepage, si racconta così:
Sono nata nel 1959 in una piccola cittadina nell'Ohio sudoccidentale. Dopo aver frequentato il college universitario all'Ohio University, mi sono laureata in Letteratura Inglese alla New York University. Ho insegnato per qualche anno come professore part-time al college e ho svolto lavori di ufficio temporanei, vagabondando per la maggior parte del tempo nei dintorni di New York, per poi trasferirmi a Shijiazhuang, in Cina, per un anno. Tornata in Ohio, sono diventata una scrittrice tecnica per una compagnia medica, ho incontrato mio marito e mi sono sposata, e poi, quando siamo stati licenziati entrambi, lui ha trovato lavoro a Cleveland. E così, ora, sono una scrittrice a tempo pieno.
L'esperienza lavorativa in Cina ha dato all'autrice lo spunto per il suo primo romanzo, China Mountain Zhang (1992), vincitore del James Triptree Jr. Award nel 1992 e considerato dai critici uno dei romanzi migliori degli anni '90 (al momento è inedito in Italia), il cui protagonista è un ingegnere omosessuale, in un momento storico in cui l'omosessualità è punita con la pena di morte, ed è ambientato in un futuro in cui gli Stati Uniti non sono più una potenza planetaria, ma sono sul collasso economico e dipendenti da una Cina marxista, che ha assunto importanza internazionale. Oltre alla particolare realtà politica descritta nel romanzo, la figura del protagonista e le problematiche del suo "essere diverso" hanno uno spessore rilevante: la caratteristica forse principale dell'autrice è infatti l'interesse per le relazioni interpersonali, la grande importanza data ai personaggi ed alle persone, elementi centrali delle sue opere.

E' autrice di parecchi racconti in cui si distingue per il linguaggio molto "ricco", in grado di comunicare concetti "pesanti" con poche parole ricercate, ed originalità (emblematico a questo proposito l'unico suo racconto pubblicato in Italia, Coney Island della mente, in cui l'autrice rivela un approccio molto personale nell'affrontare la tematica della realtà virtuale), pubblicati per la maggior parte sulla Asimov's o in antologie tematiche, e di altri due romanzi, Half the Day Is Night (1994), ambientato in Caribe, una città sottomarina resa con incredibile realismo, e Mission Child (1998), ambientato in un pianeta colonizzato e poi abbandonato dalla Terra, romanzo in cui sono protagonisti l'antropologia, la sociologia, la psicologia, e le relazioni interpersonali.


BIBLIOGRAFIA COMPLETA
(aggiornata al gennaio 2000)
 
ROMANZI

China Mountain Zhang (Tor 1992)

Half the Day Is Night (Tor 1994)

Mission Child (Avon 1998) 
 

RACCONTI

Kites (1989), in Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, ottobre 1989

Baffin Island (1989) in Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, agosto 1989

The Queen of Marincite (1990) in Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, marzo 1990

Render unto Caesar (1992) in Asimov's Science Fiction, dicembre 1992

Protection (1992) in Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, aprile 1992, ristampato in The Year's Best Science Fiction, Tenth Annual Collection (1993), a cura di Gardner Dozois

The Missionary's Child (1992) in Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, ottobre 1992

The Beast (1992) in Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, marzo 1992

Human Nature (1992) in Aladdin: Master of the Lamp (1992), a cura di Mike Resnick and Martin H. Greenberg

Tut's Wife (1993) in Alternate Warriors (1993), a cura di Mike Resnick

A Foreigner's Christmas in China (1993) in Christmas Ghosts (1993), a cura di Mike Resnick and Martin H. Greenberg

Whispers (1993) in Asimov's Science Fiction, aprile 1993, ristampato in The Year's Best Science Fiction, Eleventh Annual Collection (1994), a cura di Gardner Dozois

A Coney Island of the Mind (1993) in Asimov's Science Fiction, febbraio 1993
Coney Island della mente, (traduzione italiana di Giancarlo Carlotti), in Isaac Asimov Science Fiction Magazine 9, gennaio 1995, Phoenix 

Virtual Love (1994) in The Magazine of Fantasy & Science Fiction, gennaio 1994

Nekropolis (1994) in Asimov's Science Fiction, aprile 1994, ristampato in The Year's Best Science Fiction, Twelfth Annual Collection (1995), a cura di Gardner Dozois

The Ballad of Ritchie Valenzuela (1994) in Alternate Outlaws (1994), a cura di Mike Resnick

The Lincoln Train (1995) in The Magazine of Fantasy & Science Fiction, aprile 1995, ristampato in Alternate Tyrants (1996), a cura di Mike Resnick e in The Year's Best Science Fiction, Thirteenth Annual Collection (1996), a cura di Gardner Dozois

Joss (1995) in Asimov's Science Fiction, febbraio 1995

In the Air (1995) in Killing Me Softly (1995), a cura di Gardner Dozois

Homesick (1996) in Intersections (1996), a cura di John Kessel, Mark L. Van Name, and Richard Butner

Learning to Breathe (1995) in Tales of the Unanticipated, Autunno/Inverno 1995/1996

The Cost to Be Wise (1996) in Starlight (1996), a cura di Patrick Nielsen Hayden e in The Year's Best Science Fiction, Fourteenth Annual Collection (1997), a cura di Gardner Dozois

Strings (1997) in Science Fiction Age, novembre 1996
Stringhe, (traduzione italiana di Salvatore Proietti)

Down on the Farm (1997) in Return of the Dinosaurs (1997), a cura di Mike Resnick and Martin H. Greenberg


© Marco Mocchi, 2000

 


Collegamenti

 

Salvatore Proietti, Maureen F. McHugh e i legami della fantascienza

Maureen McHugh, Stringhe