BREVE BIOGRAFIA DI GIUSEPPE IANNOZZI & QUALCHE CONSIGLIO UTILE PER ACCEDERE AL MATERIALE IN RETE SU INTERCOM, DELOS SF, CORRIERE DELLA FANTASCIENZA, HORROR.IT, THRILLERNET, ECC.

 

BREVE BIOGRAFIA

 di

 

 

 

 

Giuseppe Iannozzi, classe 1972, torinese di adozione, è giornalista da circa tre anni: a tutt’oggi ha pubblicato qualcosa come 700 articoli (ma non esclude che possano essere assai di più poiché ha avuto modo di scrivere per tante webzine del panorama underground italiano e spesse volte non ha avuto modo di conservare gli originali dei suoi articoli e racconti) per diverse testate giornalistiche e agenzie stampa. Nel 1994 ha pubblicato per i tipi Editrice Nuovi Autori il romanzo Amanti nel buio di una stanza. Collabora attivamente con le testate on line Intercom,  Delos Science Fiction, Horror.It, Thrillernet, Cartaigienicaweb, Daily Opinions e più sporadicamente con Turinpolis, Vita, Tam-Tam, ecc..

In passato ha collaborato anche con l’agenzia stampa News Italia Press per circa due anni. Inoltre ha pubblicato diversi racconti su riviste amatoriali e fanzine, molti dei quali andati persi.

 

I suoi autori preferiti sono, Philip K. Dick, Ursula K. Le Guin, K. W. Jeter, Edmund Coooper, J.R.R. Tolkien, Luca Masali, Alessandro Vietti, Vittorio Curtoni, Vittorio Catani, Franco Forte, Franco Ricciardello, Roberto Sturm, Danilo Santoni, Donato Altomare e, ovviamente, Valerio Evangelisti almeno per quanto concerne il panorama della fantascienza; ma ama anche, incondizionatamente, Pier Paolo Pasolini, Giuseppe Ungaretti, Bertolt Brecht, tutti i poeti maledetti (Paul Verlaine, Arthur Rimbaud, ecc), i grandi maestri della letteratura russa (Lev Tolstoj, Fëdor Dostoevskij, Michail Bulgakov, ALEKSANDR BLOK, VELEMIR CHLEBNIKOW, ANNA ACHMATOVA, BORIS
PASTERNAK, OSIP MANDEL'STAM, MARINA CVETAEVA, V. MAJAKOWSKIJ, SERGEI ESENIN
, ecc.), tutti gli scrittori e poeti della Beat Generation (William Burroughs, Jack Kerouac, Gregory Corso, Allen Ginsberg, ecc.), e tra gli scrittori contemporanei italiani e stranieri, Diego Cugia, Aldo Busi, Giuseppe Culicchia, Umberto Eco, Salman Rushdie, Oliver Sacks, ecc.

 

Giuseppe Iannozzi si interessa di tutto quello che rientra nei campi della conoscenza che è come dire che si interessa di tutto e di niente in particolare. Molti lo vedono come un erudito solitario, molti lo odiano perché sta sempre dalla parte dei deboli, dei pazzi, di quelli che hanno fatto della loro esistenza poesia vivente, insomma l’autore ama stare dalla parte di quanti hanno veramente qualcosa da dire alla società. Odia i pregiudizi e chi ha dei pregiudizi in campo sociale, politico, religioso, artistico, questo è il solo razzismo che ammette e che sposa con affetto nelle sue maturate (sofferte) convinzioni. Non ha una fede politica perché la politica odierna ritiene che sia solo il frutto della convenienza di chi occupa le poltrone del potere.

 

G. Iannozzi ama soprattutto la buona musica, quella dei cantautori italiani: Fabrizio De André, Roberto Vecchioni, Francesco Guccini ma anche la musica e i dischi dei CCCP e dei CSI; per la musica straniera, i suoi massimi sono: Manic Street Preachers, Bruce Springsteen & The E Street Band, Neil Young, Tom Waits, Roger Waters, Queen, U2, Muse, George Michael, Patti Smith, Nick Cave, Meat Loaf, ecc.

 

L’autore ha dichiarato senza mezzi termini a quanti lo conoscono di essere uno “spirito libero”, di odiare la superficialità e gli ismi di moda.

 

Attualmente svolge attività di consulenza come tecnico sistemista di rete.

I suoi progetti futuri in campo editoriale: scrivere un romanzo di Sf che abbia come protagonista un Giordano Bruno filosofo del futuro…

 

 

 

 

ARTICOLI/SAGGI SU INTERCOM

(www.intercom.publinet.it)

 

 

Ritratto dell'artista: la vita, le opere, il pensiero, le ossessioni di Philip Kindred Dick

 

E.T. - Il ventennale dell'extraterrestre più famoso del mondo

 

Figli di nessuno, la crisi della SF

 

Filosofia, fantascienza e scienza a confronto: rapporti difficili ma necessari

 

Tra letteratura classica e SF: chi ha copiato da chi?

 

La Fantascienza (il mondo fantastico) è anche poesia!

 

RACCONTI SU INTERCOM:

 

Verranno a chiederti dei miei occhi!

 

Il raccontastorie

 

Redenzione immortale!

 

IL MIO STILE CHE E’ UN NON-STILE

 

Riguardo al mio stile: io non ho uno stile, nel senso che amo sperimentare tutti gli stili, anche i più estremi e incomprensibili. Chi mi ha maggiormente influenzato nello stile sono stati Allen Ginsberg, Gregory Corso, Jack Kerouac, Ferlinghetti, William Burroughs, tutti poeti e romanzieri americani. Con la fantascienza, chiaramente, a parte W. Burroughs, gli altri citati autori non hanno nessun punto di contatto con la SF (o comunque pochi e tutti da cercarsi con occhio attento); tuttavia, quello che io mi ripropongo è di arrivare ad una scrittura spontanea (automatica) come quella di Kerouac per inserirla in un costrutto fantascientifico. Ovviamente l’influenza maggiore per quanto concerne le mie idee circa la fantascienza me le ha regalate Philip K. Dick. La commistione tra la poetica della Beat Generation e quella visionaria di Dick è forse la chiave per comprendere quelli che sono i miei obiettivi letterari…

Il mio stile è discontinuo, me ne rendo perfettamente conto, ma in questo momento voglio che sia così e non diversamente: la discontinuità, le contraddizioni, fanno parte del mio non-stile, in fondo sono un neodadaista, almeno credo, un po’ folle, ironico, malinconico, blasfemo, decadente. Nel momento in cui dovessi raggiungere uno stile pienamente comprensibile, temo che non avrei più niente da dire né a me stesso né agli altri. La discontinuità è la puleggia mentale che mette in moto la mia vena creativa. Sicuramente chi ha letto On the Road & Visions of Cody di Kerouac (i due romanzi più belli di Kerouac a mio giudizio), si sarà reso conto che in molti molti punti si perde il filo del discorso e poi improvvisamente quando sembra che non ci sia senso nelle parole di Kerouac, come per magia, all’improvviso i conti tornano ma rimangono in sospeso perché la strada è infinita, e all’infinito deve essere percorsa con la fantasia, con il raziocinio poetico. Per questo la mia poesia, quando c’è nei miei scritti, ad un certo punto sembra morire: io non offro soluzioni ma solo indicazioni, indicazioni costruttive che possono condurre su strade diverse, magari fuori rotta, magari sbagliate, ed è questo che voglio, questa è la poesia per me.

 

 

 

 

ARTICOLI SU IL CORRIERE DELLA FANTASCIENZA

(www.corriere.fantascienza.com)

 

In prevalenza recensioni librarie:

 

http://www.corriere.fantascienza.com/LIBRI/

 

 

 

ARTICOLI/SAGGI SU DELOS SCIENCE FICTION

(www.delos.fantascienza.com)

 

 

 

http://www.delos.fantascienza.com/delos66/eymerich.html

 

http://www.delos.fantascienza.com/delos65/scimmie.html

 

http://www.delos.fantascienza.com/delos69/aiaks.html

 

e tante recensioni di libri, film, ecc. nella sezione DEPARTMENTS ad ogni nuovo numero di Delos Science Fiction.

 

 

 

ROMANZO SU WORDS ON LINE

(www.wordson-line.it)

 

 

 

e-book di fantascienza alternativa CRUCIFIX KISS –Uscita verso l’Inferno scaricabile gratuitamente al seguente link:

 http://www.wordson-line.it/frame-home.htm

 

 

 

ARTICOLI SU HORROR.IT

(www.horror.it)

 

 

Recensioni libri al link: http://www.horror.it/libri/

 

 

ARTICOLI SU THRILLERNET.IT

(www.thrillernet.it)

 

 

Recensioni libri al link: http://www.thrillernet.it/libri/

 

 

 

ARTICOLI SU CARTAIGIENICAWEB

(www.cartaigienicaweb.it)

 

 

Su CartaigienicaWeb, webzione di Marcello Baraghini,  Giuseppe Iannozzi tiene la rubrica  : ogni mese un articolo diverso sul panorama editoriale italiano.

 

 

 

 

ARTICOLI SU DAILY OPINIONS

(http://digilander.iol.it/wholt/DailyOpinions/index.html)

 

 

Su Daily Opinions di Guido Ferranova, Giuseppe Iannozzi presenta costantemente articoli a carattere sociale.

 

 

 

 

Inoltre,

Giuseppe Iannozzi

non di rado collabora alla stesura di articoli di interesse sociale sulle seguenti testate:

 

 

 

 

 

(www.vita.it)

 

 

 

 

 

http://www.comune.torino.it/infogio/rivista/

 

 

 

(http://www.tamtam-sito.it)

 

 

(www.turinpolis.com)

 

 

 

 

INDIRIZZI DI POSTA ELETTRONICA PER CONTATTARE GIUSEPPE IANNOZZI:

 

 

iannozzi@hotmail.com

 

oppure

                                                                                       

iannozzi@email.it

 

 

o anche

 

 

dick72_it@yahoo.it

 

A tutti quanti vorranno scrivere suggerimenti, consigli, critiche, si assicura una pronta risposta.