2002


archivio:    2000   2001  2003


 

(22 nov.) - STRANGE DAWN, in onda su RAIDUE

Senza essere stato minimamente preannunciato (che potesse essere pubblicizzato, non ci pensavamo nemmeno...), dalla scorsa settimana su RAIDUE va in onda una nuovo programma contenitore, o almeno così sembrerebbe dal titolo, denominato "Anime Club", in onda tutti i sabato pomeriggio dalle 15,45 fino alle 16,10, con spazio sufficiente quindi per una sola puntata di una qualunque produzione televisiva. E' stata così trasmessa la prima puntata di Strange Dawn, una serie televisiva di Junichi Sato, prodotta nell'anno 2000 e già distribuita sul mercato italiano delle VHS dalla Dynamic Italia. La tramissione "si propone di illustrare al pubblico italiano alcuni degli ultimi e più interessanti prodotti dell'animazione giapponese, ed in particolare quelli destinati ad un pubblico più 'adulto'", così ci scrive il gentilissimo lettore di Intercom che ha avuto la squisita cortesia di segnalarcelo, ma da dove abbia preso tali informazioni non sappiamo dirvelo.
Cercheremo di saperne di più nei prossimi giorni. Nel frattempo se volete leggere per intero la segnalazione del nostro lettore, che fa della serie anche un'attenta e appassionata disamina, vi rimando alla pagina dei Contatti.

(06 nov.) - PLANETES, come preannunciato!

copertina del primo volume giapponeseLo avevano presentato lo scorso anno in questa stessa sezione delle news, e devo dire che siamo stati dei buoni indovini nonché ottimi "manga scout". Planetes, manga fantascientifico della Kodansha dagli interessanti presupposti per essere un buon fumetto serio e adulto, si appresta a sbarcare in Italia. Eccovi l'annuncio ufficiale della Panini:

"Negli Anni ’70 del XXI Secolo, l’umanità ha stabilito un base permanente sulla Luna allo scopo di compiere il grande balzo verso Marte e i pianeti esterni. I primi esploratori sono già stati inviati verso Giove e si stanno approssimando alla loro destinazione. Sulla Terra, però, l’umanità deve affrontare un nuovo problema, l’inquinamento spaziale, o “Deburis”, rottami e detriti, sottoprodotti e scarti dell’Era Spaziale, spazzatura, in parole povere, che orbita intorno alla Terra. Per alcuni la raccolta dei detriti spaziali è diventata, una professione, un lavoro duro e rischioso. Protagonisti di PLANETES (Pianeti viventi), di Makoto Yukimura, sono tre “raccoglitori di deburis”: Hachimaki, Yuri, e Fee. Spazzini spaziali, insomma, ognuno con i propri sogni e i propri problemi personali, che lottano per sopravvivere in un buio e freddo universo…
PLANETES è uno dei nuovi titoli che presenteremo nel 2003, la pubblicazione del primo volume è prevista per il mese di aprile.
"

Poi non venite a rimproverarci di non fornirvi succulente anticipazioni, eh!

(Fonte: Panini Comics)

(1 nov.) - Gundam: il primo romanzo originale di Tomino!

La notiziona, confusa e ancora non ufficialmente sbandierata, appare semi-nascosta, in un angolino sul catalogo della Pan del mese di ottobre. Ed è una di quelle notizie da far tremare i polsi a tutti gli appassionati di Gundam e di narrativa di fantascienza che si rispettino: la Star Comics editerà il romanzo "novelization" della prima mitica serie, proprio quello originale firmato da Yoshiyuki Tomino (il creatore della saga), inaugurando così di conseguenza anche una nuova collana dedicata ai romanzi, proprio come avevano già fatto in precedneza sia Kappa Edizioni che Planet Manga. Data di uscita prevista: dicembre 2002. Il romanzo sarà una gustosa occasione per leggere finalmente le reali idee che l'autore aveva a proposito della sua creatura, e che mai furono rese in animazione sia per scelte stilistiche che per questioni pratiche legate alla produzione. Pare infatti che le differenze tra serie animata e romanzo siano molte, e che coinvolgano ambientazioni, personaggi e trama. A noi ora non resta altro che aspettare, leggere e verificare se queste voci siano vere oppure no. E vi confidiamo di non vederne l'ora!

(Fonte: Anteprima)

Serie TV di Ghost in the Shell

Se amate davvero anime e SF, e soprattutto se avete ammirato il film, non potete non essere eccitati all'idea di poter gustare altre nuove avventure del maggiore Kusanagi. Per il 22 luglio, lo studio di animazione cui fa capo il genio incontrastato di Mamoru Oshii, aveva annunciato una strabiliante rivelazione, ed ecco finalmente svelata la sorpresa promessaci dalla Production IG: sarà realizzata la serie TV di Ghost in the Shell. Come postato da Lain_Iwakura sul forum del nuovo sito ad essa dedicato, la serie dovrebbe essere di 26 episodi, avere un budget di 800 milioni di yen (circa 8 milioni di euro) ed una colonna sonora cantata da Yoko Kanno.
Vi consiglio vivamente di fare un giro sul sito ufficiale: ci sono interviste, immagini favolose e disegni aggiornati settimanalmente, schede tecniche e dei personaggi (pure queste saranno aggiornate di frequente) e molto altro. E se date un'occhiata vi accorgerete presto come tutto lasci intuire che il prodotto sarà in linea con la consueta, maniacale cura a cui ci ha ormai abituati lo studio e che ne fa ormai un punto di riferimento di livello mondiale (tra gli altri prodotti, vi ricordo Jin-Roh e Blood). In America la serie e' gia' stata acquistata dalla Bandai... ma sembra che tali diritti siano anche estesi nel nostro Paese e al resto dell'Europa, come scritto sul sito ufficiale ("broadcast and licensing outside Asia: Bandai Entertainment Inc.").

(Fonte: Animeclick)

James Cameron realizzerà Alita

Era da che se ne parlava e la voce era avvalorata dal fatto che tutti conoscono la profonda ammirazione che il regista americano nutre per la produzione animata e fumettistica del Sol Levante; ora pare sia davvero ufficiale, se lo si è potuto dichiarare pubblicamente e ed è stato possibile divulgarlo attraversoi mass media. Riportiamo quanto scritto sul sito di MTV. "La mossa che non ti aspetti: dopo "Titanic" (1997), l'atteso ritorno di James Cameron sul grande schermo sarà merito di un manga. E attenzione: non si parla di un manga qualunque, bensì di "Battle Angel Alita", il capolavoro del 'fumettaro' giapponese Yukito Kishiro. La notizia viene direttamente dal San Diego Comic-Con, la manifestazione che si vanta di essere la più grande convention di fumetti al mondo, probabilmente a ragione. James Cameron si è presentato a sorpresa per promuovere l'ultimo film da lui prodotto, il remake di "Solaris" per la regia di Steven Soderbergh. Siccome molti fan hanno iniziato a chiedergli perché mai non dirigesse più un film dal lontano 1997 (l'anno di "Titanic"), lui ha lanciato la bomba: tornerà sul grande schermo con un adattamento del manga "Battle Angel Alita". La storia: in una discarica viene rinvenuta una cyborg priva di ogni ricordo del suo passato. I segreti che nasconde, il pericoloso cammino per scoprirli e la riflessione sulla sottile linea che distingue gli uomini dalle macchinesono il centro della vicenda."
Noi vi ricordiamo che il manga è attualmante ristampato in una bella edizione dalla Planet Manga e che è da molti riconosciuto come uno dei più bei fumetti di SF mai realizzati e importati in Italia.

(Fonte: Animeclick)

Metropolis nei cinema italiani: il punto

Dall'uscita di Mononoke Hime, ormai due anni fa, non avevamo più avuto il "privilegio" di vedere altri anime su nostri schermi cinematografici, e a dirla tutta, sinceramente, non ci saremmo aspettati di vederne altri per ancora un bel po' di anni. Ma l'inatteso e l'imprevisto sono sempre in agguato dietro l'angolo (per fortuna, in questo caso!) ed è così stata davvero una piacevole sorpresa vedere apparire Metropolis.
Purtroppo, nonostante il film avesse riscosso un buon successo negli USA (più di 80 milioni di $) e questo facesse così sperare tutti quanti in una buona distribuzione accompagnata da un'altrettanto buona campagna promozionale, al solito, i nostri cari distributori italici non se la sono sentita di "azzardare" e come è ormai consuetudine, disgraziatamente, Metropolis è stato bisfrattato come tutti gli altri cartoni targati NON-Disney (o altre Major americane). Addirittura rimpallato dalla Columbia-Tristar alla più modesta Key Films (casa di distribuzione per lungometraggi di nicchia o esotici), Metropolis è così infine uscito il 21 giugno e nella prima settimana è stato proiettato in sole 27 (poi "salite" a 28) sale cinematografiche. Ciò nonosante, il film è andato discretamente bene e dopo quattro settimane di programmazione ha incassato un po' più di 70.000 euro. Meglio di tanti altri film dal vivo che hanno avuto una distribuzione simile e, considerate le premesse, non si poteva certo sperare in un risultato migliore. Per noi è già tanto essere riusciti a vederlo.

(Fonte: Cinecitta.it)

Gundam Invasion!

L'avevamo davvero atteso con ansia, da tanti anni, e ora finalmente, per tutti gli anime fans quel sogno diverrà realtà. A distanza di più di 20 anni dalla messa in onda sulle nostre reti private della travagliatissima prima serie di Gundam, il Mito (l'unico, vero, tra gli appassionati più che trentenni) ritorna in Italia per merito, è il caso di dirlo, della sempre più aguerrita Dynamic Italia. Ecco il comunicato ufficiale, un vero pezzo di storie.

"L'annuncio tanto atteso, la risposta a tanti indovinelli, è che la saga più desiderata dell'ultimo ventennio, il meraviglioso universo di Gundam, ritorna finalmente nella nostra penisola, grazie a Dynamic Italia! Ma nessuno di voi è riuscito ad immaginare la vera portata di questo evento: infatti non sarà solo il mitico Gundam RX-78 a ritornare sui vostri teleschermi, ma ad accompagnarlo ci saranno tutti i capitoli più importanti della saga, dall'atteso Char's Counterattack a Gundam Wing, passando per Gundam 0083, Gundam F-91 e Gundam 08th MS Team!! Per festeggiare il ritorno di Gundam, Dynamic Italia, oltre alla consueta cura per il doppiaggio, aggiungerà un elemento assolutamente straordinario che impreziosirà e renderà l'edizione italiana un evento esclusivo! Già assetati di altre notizie? Vi preghiamo di pazientare, anticipandovi che, per desiderio dei produttori, farà il suo debutto il fastoso Endless Waltz, lo splendido film che conclude la storia di Gundam Wing! Stay Tuned!"

Le prime domande che istintivamente ci poniamo, da appassionati desiderosi, sono: e le altre serie non comprese nella comunicazione ufficiale? Della serie originale, ci sarà anche l'edizione di tutti gli episodi o solo dei film? A quando la prima uscita? Con che cadenza vedremo le varie serie? E in che formato, VHS o DVD? Ma, al solito, non ci resta altro che aspettare.

(Fonte: Dynamic Italia)

Gundam Zeta a luglio

Ormai è ufficiale: è imminente in casa PLANET MANGA l'arrivo del fumetto dedicato alla serie Z GUNDAM, che si colloca cronologicamente dopo GUNDAM 0079 e più precisamente nell'anno 0087 dell'Universal Century. Il manga, composo da tre tankobon (sei albi italiani) è firmato da Kazuhisa Kondo e sarà proposto ai lettori italiani da luglio a dicembre di quest'anno. Molto probabile, negli stessi mesi, anche la messa in cantiere del secondo CROSSOVER NOTEBOOK di Gundam, dedicato proprio alla serie Z e, come il precedente, una via di mezzo tra Illustration Book e raccolta di fumetti brevi.

(Fonte: Panini Comics)

SF manga anche dalla Magic Press

Una ventata di rinnovata freschezza e, finalmente, un minimo di reale concorrenza nel campo della fantascienza, vista la ingiustificata assenza dal "campo" della Star Comics, arriva dalla non più tanto piccola casa editrice romana. Dopo aver assorbito il catalogo della defunta Phoenix, e aver annunciato le attesa conclusione della serie Otomiana di Mother Sarah, la Magic, lanciatasi con coraggio e ambizione nel settore manga, annuncia la prossima uscita del fantascientifico D'V, che segnalammo nelle notizie dello scorso anno per una preview apparsa sul sito della Kodansha. I disegni sono di assoluto primo livello; ora non ci rimane che sbirciare la storia.

Un nuovo cyborg tra di noi

Il fumetto giapponese è ricco di titoli dedicati al mondo dei cyborg, manga struggenti e iperdinamici che alternano le scene d'azione con i drammi personali di queste creature, a metà tra l'uomo e la macchina. È il caso di CICATRICE THE SIRIUS, fantascientifico manga a firma Shinichiro Takada.
Sirius altri non è che il nome in codice di Sayoko Tachibana, un androide in viaggio col proprio fratello minore Takeru. Inizialmente Sayoko era una normale bambina, che conduceva una vita comune a molti, ma una serie di incidenti ha portato alla morte dei suoi familiari. L'evento che maggiormente colpisce la ragazza è l’incidente accaduto al fratello proprio davanti ai suoi occhi, e la cui vita è legata a una costosissima operazione chirurgica. Proprio per accumulare tale cifra astronomica, la ragazza decide di vendere sé stessa a un’organizzazione che acquista cervelli umani, per installarli in macchinari da far poi combattere alimentando un circuito di scommesse. Come tanti altri prima di lei, Sayoko vede la propria mente installata in un micidiale corpo meccanico e, con la memoria temporaneamente cancellata, combatte per oltre cinque anni riportando l’incredibile serie di trenta vittorie consecutive. Ma il fratello Takeru, una volta ripresosi e venuto a sapere quello che la sorella ha fatto per savarlo, decide di correre in suo aiuto nella speranza di restituirle umanità e memoria, come ben evidenziato dal sottotitolo che recita "I hope you still remember me". Quattro i volumi per ora pubblicat in Giappone, mentre l'autunno oltre alla foglie cadenti porterà questa serie in Italia grazie a PLANET MANGA.

(Fonte: Panini Comics)

Il Gundam di Yas

In una recente intervista, Yoshikazu Yasuhiko ha narrato la genesi di The Origin, il nuovo manga pubblicato su Gundam A e che rinarra la storia del Mobile Suit bianco. Ecco alcune delle sue parole.
"È un adattamento a fumetti del primo Gundam. È l'operazione inversa rispetto alla trasposizione di un manga in anime. Il presidente della Sunrise mi chiese di realizzarlo qualche anno fa, ma per qualche motivo mi sembrò sgradevole far disegnare a qualcuno l'adattamento di una serie a cui aveva partecipato venti anni prima. Perciò rifiutai. Ma in seguito mi fu proposto nuovamente, e capii che non avrei avuto le limitazioni che erano state imposte all'epoca. Dissi al presidente della Sunrise che avrei cambiato Gundam. In qualità di persona coinvolta nella prima serie, so che cosa successe durante la lavorazione, ed è per questo che credo di avere il diritto di modificare alcune cose. Tutto ciò che fu fatto senza metterci il cuore. Per esempio eliminerò i robot che si combinano e si trasformano, e non farò apparire il personaggio in episodi in cui non è necessario che appaia."
Il risultato finale (sei puntate sono già uscite su Gundam A) è in effetti qualcosa di simile eppure differente dalla prima serie, ma ricco di fascino. Ora anche il pubblico occidentale può apprezzare The Origin grazie all'edizione in lingua inglese annunciata dalla statunitense Viz Comics, che pubblicherà albi di 120 pagine al prezzo di dollari 7.95.
Vabbè, d'accordo, in America... aggiungiamo... e da noi? Paniniiiiiiiiiiiiiiii? State già preparando l'edizione italiana, verooo? Magari un'edizione deluxe, per distinguerla da quella "ufficiale". Eh? ;)
Da segnalare inoltre che alla rivista si è aggiunto il contributo di un altro manga di un altro illustre, eccelso autore quale Haruiko Mikimoto. Avere un'edizione italiana della rivista, a questo punto, direi proprio che non dispiacerebbe a nessuno.

(Fonte: Panini Comics)

Ritorna in fumetteria Kor One II

illustrazione di MessinaLa seconda miniserie di Kor One non verrà presentata più in singoli albi di 24 pagine, come preventivamente progettato, ma in due paperback che usciranno a breve distanza uno dall'altro. Questo è il primo, con i testi di Ade Capone e i disegni di Fabio Bartolini, Fabio Mantovani e David Messina. Ambientazione: la stessa della prima miniserie e della miniserie Morgan, edita dalla Star Comics: l'Australia del futuro. Un'incalzante e poetica vicenda, con una chiara impostazione cinematografica, tra fantascienza, informatica, mitologia aborigena e combattimenti di androidi. E proprio Morgan sarà "ospite d'onore" della vicenda! Copertina a colori di Roberto De Angelis, co-creatore di Kor-One! Introduzione di Leo Ortolani.
KOR ONE II Volume I, Fantasy - Uscita prevista per aprile
64 pag. - brossurato - b/n - 21 x 29,7 - solo in libreria
soggetto e sceneggiatura: Ade Capone
disegni: Fabio Bartolini, Fabio Mantovani e David Messina

(Fonte: uBC fumetti - hackernet)

Nuono manga: Kikaider

illustrazione di MessinaNel 1972 Shotaro Ishinomori, uno dei più grandi mangaka che il Giappone abbia mai avuto, creò un fumetto destinato a rimanere nellla storia: Jinzoningen Kikaider (“Il cyborg Kikaider”). Nel 2001, quindi a quasi 30 anni di distanza e nel millennio successivo, nonostante il suo creatore sia morto Kikaider è tornato in vita grazie a Meimu, un altro mangaka che ha deciso di riscriverne la storia, partendo dal canovaccio di Ishinomori ma rendendolo più moderno, sia narrativamente che graficamente. Nasce così KIKAIDER CODE 02. Kikaider è una sorta di Frankenstein moderno, non a caso le prime pagine del manga si aprono con un tenebroso temporale, che si abbatte sull'edificio all'interno del quale viene data la "vita" a questa formidabile macchina antropomorfa. Il quesito che il personaggio dovrà presto affrontare è: può una macchina essere dotata di coscienza, e quindi distinguere il bene dal male? Il robotico protagonista si troverà di fronte a un bivio: scegliere se stare dalla parte dei propri "fratelli" meccanici o combatterli per difendere il genere umano. Un dilemma complesso, che lo tormenta e che è evidenziato anche nell'aspetto, che vede Kikaider quasi diviso in due, con una parte del suo corpo trasparente, a mostrare i suoi circuiti interni. E il disegno di Meimu si spinge anche oltre, tratteggiando in modo minuzioso le componenti di quel corpo artificiale che cerca di tendere sempre più all'umanità: con in cavi che si piegano e si gonfiano, richiamando quasi i muscoli umani, i chip che si sovrappongono e si sommano a imitazione del tessuto cerebrale. Un titolo da brividi, insomma, che nella vecchia versione di Ishinomori ha beneficiato di diverse trasposizioni per il piccolo e il grande schermo, e nella nuova di Meimu ha definitivamente lanciato il personaggio nell'Olimpo degli eroi più amati. Tre i volumi per ora usciti, ma la serie è ancora in corso di serializzazione in Giappone, mentre in Italia arriverà questo autunno con marchio PLANET MANGA.

(Fonte: Panini Comics)

Orso d'Oro di Berlino a Miyazaki

Sen to chihiro no kamikakushi ("Spirited Away"), l'ultimo film di Hayao Miyazaki si è aggiudicato la preziosa statuetta d'oro a pari merito con "Bloody Sunday". È la prima volta che un lungometraggio a cartoni animati riceve un premio così prestigioso ad uno dei festival internazionali di cinematografia importanti del mondo. Voci di corridoio sussurrano inoltre che i diritti della distribuzione cinematografica sul territorio italiano siano stati acquistati dalla Rai Cinema, evento che riempie di gioia tutti gli estimatori del maestro nipponico e gli appassionati di animazione giapponese (fiduciosi in un adattamento migliore di quello effettuato dalla Buena Vista). Ricordiamo che il film è campioni d'incassi assoluto di sempre nel paese del Sol Levante, schiacciando il precedente record detenuto da "La Principessa Mononoke", altro film di Miyazaki-san.

AKIRA rivive in DVD!

La cover dell'edizione specialeLa tanto attesa edizione in DVD del capolavoro firmato dal maestro Katsuhiro Otomo è finalmente giunta sugli scaffali di videoteche e fumetterie. Il film viene proposto in ben due diverse edizioni, Normal e Special Edition (quest'ultima composta da ben due dischi), dalla Explosion Video. Nel primo DVD un particolare non di secondaria importanza, che avvalora quanto detto, è che per la prima volta in Italia sono state ripristinate la sequenza iniziale e finale del film. Di fondamentale importanza soprattutto la sequenza iniziale, barbaramente e inspiegabilmente tagliata nelle precedenti edizioni italiane, che consente di comprendere il contesto in cui si svolge la storia . Il video rimasterizzato in digitale è l'originale 1.78:1 anamorfico e si nota subito la straordinaria qualità dell'immagine che risulta ancor più apprezzabile in considerazione dei quindici anni d'età dell'opera. Il secondo disco, presente solo nell'edizione speciale, contiene un documentario di circa 50 minuti, diviso per argomenti in una decina di capitoli. Inoltre possiamo trovare anche un'intervista al regista Katsuhiro Otomo della durata di circa trenta minuti e alcuni trailer tra special e spot TV giapponesi. Tutto il materiale in lingua giapponese è sottotitolato in italiano, inglese francese e spagnolo, eccezion fatta per l'intervista al regista Otomo, dove è possibile selezionare solo l'inglese.

(Fonte: afdigitale)

Jeremiah, la nuova serie TV

Il fumetto di HermannJ. Michael Straczynski ha finito la lavorazione di Jeremiah, nuovo serial TV americano, la cui puntata pilota verrà trasmessa da domenica 3 marzo. La serie, che sarà composta da 20 episodi, è stata prodotta da Jeremiah Productions, Lion's Gate Television e Platinum Studios con una distribuzione affidata a MGM. Per chi non lo sapesse, Jeremiah è una popolarissima serie francese realizzata da Hermann e ambientata in un mondo futuro dove l’umanità è stata sterminata da una epidemia. Luke Perry Ovviamente i superstiti devono sopravvivere alla decadenza e Jeremiah si mette alla ricerca del Valhalla Sector, assieme al partner Kurdy. Lo show sarà interpretato da Luke Perry (Beverly Hills 90210) e Malcolm-Jamal Warner (I Robinson) e il primo episodio di due ore è stato diretto da Russell Mulcahy. Straczynski ha scritto due terzi degli episodi.

(Fonte: Panini Comics)

Un nuovo manga di Gundam

Inizia un nuovo manga in due parti ambientato nel mondo di Gundam. “MS Generation”, di Rei Nakahara, mostra la “Guerra di un anno” in una nuova prospettiva e attraverso gli occhi di un fotografo. I combattimenti tra Mobile Suit e i drammi umani la fanno ancora da padroni nell'Universal Century. Un nuovo, imperdibile appuntamento con le avventure pensate da Yoshiyuki Tomino.
A marzo, sul mensile Gundam 0079. Imperdibile per tutti i fans del Robottone.

(Fonte: Panini Comics)