"On Your Mark"

Storyboard: settima parte
di Andrea Iovinelli

TIMER: da 04.39 secondi a 05.14
04.44 secondi 04.47 secondi 05.04 secondi
C'è solo una scena inedita, ed è questa della ragazza che spicca il volo con espressione serena (ricollegabile forse alla sequenza dell'Alfa Giula)... ... e s'innalza su, su nel cielo fino a brillare tra i raggi solari... oppure semplicemente perché è un angelo Ripercorriamo tutta la vicenda fino al momento dell'incidente con il velivolo della polizia. L'autoblindo sta per precipitare ma in questa nuova versione è dotato di alcuni propulsori che gli permettono di librarsi nell'aria
05.11 secondi 05.12 secondi 05.14 secondi
Fuggono seminando gli aeromobili della polizia che sembrano più lenti... ... E finiscono per scontrarsi (volutamente) con la facciata di un edificio abitato. Qui si scorgono alcuni particolari importanti, degli indizi evidenti di una qualche civiltà "evoluta" e di una normale quotidianità sopravvissuta: piccoli giardini coltivati sulle ringhiere, vetrate interne (anche se alcune rotte), panni stesi ad asciugare e altri a prendere aria Chage esce dalla porta dell'appartamento preceduto da uno pneumatico e qui vediamo che la "quotidianità" è comunque alterata, fortemente degradata e malandante

TIMER: da 05.15 secondi a 05.33
05.15 secondi 05.18 secondi 05.23 secondi
Aska esce anche lui di corsa, addirittura con in mano una lastra di metallo del blindato. Il muso di questo (con il marchio "rischio-contagio") si nota appena dietro lo stipite della porta Stacco. I tre si trovano a bordo della Giulia e percorrono un altro tunnel poco illuminato Nell'attraversarlo, prima di uscirne, si notano questi cartelli luminosi viola che invitano probabilmente a non avvicinarsi a una zona pericolosa o contaminata
05.25 secondi 05.28 secondi 05.33 secondi
Pochi attimi prima di uscire alla luce Chage alza il braccio destro in segno di "vittoria" e poi l'inquadratura si sposta all'esterno, su una lontana panoramica in cui l'automobile è una piccola pulce in movimento Il terreno, a mano a mano che si allontanano dalla zona civilizzata (in teoria incontaminata), paradossalmente, da arido e malato che era, si fa sempre più verde e lussureggiante Questa inquadratura in tal senso è significativa e non merita ulteriori righe commento
<- Vola indietro                                       Vola al nido!                                       Vola avanti ->