Marco Mocchi


Indice: Articoli | Racconti | Links | Asteroidi| Io | Scrivimi | IntercoM

Homepage fantascientifica di Marco Mocchi


Ultimo aggiornamento: 3 febbraio 2001
(Modifiche nelle sezioni: Articoli, Links)
 

visitatoridall'8 agosto 2000
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Articoli


Indice: Articoli | Racconti | Links | Asteroidi| Io | Scrivimi | IntercoM

Premio Omelas, fantascienza e diritti umani - Intervista ad Emiliano Farinella
(pubblicato su IntercoM 10*)

Io & Ballard

Sangue sintetico: la fine del cyberpunk in Italia

Quattro domande a Rudy Rucker
(pubblicato su IntercoM 1*)

Rucker, Escher, Dick: tassellature di mondi fantastici
(pubblicato su Future Shock n°23 e su IntercoM 1*)

Rock e fantascienza

Puzzle frattale
(pubblicato su IntercoM n°146/147)

Vita da geni
(pubblicato su Future Shock n°18)

In viaggio tra le stelle
(pubblicato su IntercoM n°142/143)

Selezione
(pubblicato su IntercoM n°142/143)

La fantascienza e Walt Disney
(pubblicato su IntercoM n°140/141)
 
 
 
 
 
 

Racconti


Indice: Articoli| Racconti | Links | Asteroidi| Io | Scrivimi | IntercoM

Attraversoil cielo
(pubblicato su Future Shock n°28)

Ritornare

I miti del raccordo anulare [sezione 2a]
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Links


Indice: Articoli| Racconti | Links | Asteroidi| Io | Scrivimi | IntercoM

IntercoM

Fantascienza.com

CatalogoSF a cura di Ernesto Vegetti

Zombilla - Magazine sonoro sulle storie del futuro
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Asteroidi


Indice: Articoli| Racconti | Links | Asteroidi| Io | Scrivimi | IntercoM

[in costruzione]
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Io - ovvero: La mia vita fantascientifica


Indice: Articoli| Racconti | Links | Asteroidi| Io | Scrivimi | IntercoM

Nascita

Fantascientificamente sono nato tardi.
Il mio immaginario si è formato precocemente, guardando da piccolo StarTrek (telefilm) e una serie di film che tuttora adoro (la trilogia di Guerre Stellari, ma soprattutto Il pianeta delle scimmie e i suoi seguiti).
Il mio primo personaggio fantascientifico preferito è statoEtaBeta .
 

Crescita

Ho cominciato a leggere qualcosa di diverso da Topolino di miaspontanea volontà a 11-12 anni (L'isola del tesoro, uno deilibri più belli che abbia letto), ho scoperto la SF attorno ai 13leggendo Verne. Poi verso i 14 ho cominciato a leggere Asimov, per impulsoiniziale della professoressa di Italiano che ci aveva fatto lavorare suun racconto diIo, robot.
Fantascientificamente parlando, oltre a questa "spinta" sono un "selfmade man".
Sono cresciuto, come tutti i miei coetanei, penalizzato dall'assurdapolitica editoriale italiana: probabilmente quando voi avevate 14 annisi trovavano in giro parecchie cose; ma nell'88, di abbordabile per letasche di un ragazzino c'era solo la collana "Oscar fantascienza", percirca 10.000 lire a volume. I libri della Nord partivano dalle 20-22, iFanucci erano costosi e poco attraenti.
Così il nostro eroe (io) passò dai 14 ai 18 a leggeretutto Asimov e pochi altri autori compatibili con il portafoglio di unadolescente, pubblicati prevalentemente dalla Mondadori (parecchio Heinlein,Brown, Bradbury, Conan Doyle, Sheckley) e (a partire dai 17 anni) anchequalche Urania di autori vari (ricordo Norton, i premi Urania, Gerrold,Adams, e qualche altro).
 

Primo trauma: la IASFM

All'inizio del '93 (18enne da poco) ecco l'evento che condizionerà la mia vita fantascientifica: L'ISAAC ASIMOV SCIENCE FICTION MAGAZINE .
Ovviemente acquistai il primo numero solo perché il nome "Asimov"era una garanzia; sapevo comunque cosa stavo comprando grazie alle varienote autobiografiche che Asimov spargeva qua e là a piene mani.
Se non che la IASFM mi apriva gli occhi su una serie di autorinuovi e poco conosciuti e soprattutto sul cyberpunk (che fino a quel momentoguardavo con disprezzo).
Non lessi moltissimo dei primi numeri della IASFM italiana.
 

Secondo trauma: IntercoM

Il vero evento per cui ho un debito verso la IASFM avvenne dopo pochi mesi.
Sul numero 4 di questa gloriosa testata era riportata la notizia del"primo concorso IntercoM". "Che cavolo è questa IntercoM?".
Carta, PC e stampante, scrissi a Danilo Santoni per chiedere il bandodel concorso e ne ricevetti una risposta molto gentile e completa: Danilomi parlava in due righe della storia di IntercoM, dicendomi di chetipo di rivista si trattasse.
Mandai al concorso "Il disintegratore", un raccontino davveroorripilante (carino se fosse stato scritto, uhm..., 50-60 anni fa) chedimostra tutta la povertà delle mie conoscenze di allora sulla fantascienza.
Spedii il racconto e ne approfittai per abbonarmi a IntercoM.
Il primo numero (il 132/33, mi pare) con copertina fotocopiata rossae nera fu un piccolo terremoto nella mia vita fantascientifica. La primadomanda che mi posi fu: chi glielo fa fare a questi qui di perder tempoa scrivere 80 pagine di quelle dimensioni?
Il primo racconto in assoluto del fandom italiano che abbia mai lettoè stato La scala d'oro di Franco Ricciardiello. La secondadomanda che mi posi: ma perché questo racconto è pubblicatosu una rivista fotocopiata?
E lo stessa domanda, più o meno, per gli altri racconti e articoli di quel numero, che divorai quasi completamente in pochi giorni.
Mi risultò del tutto evidente che quella che avevo in mano erala migliore rivista da me mai letta e il miglior modo per affrontare lafantascienza.
 

Il fandom

Dopo aver ricevuto qualche mese dopo il COSMO SF e aver ordinato praticamente tutte le fanzine allora pubblicate (tante a quei tempi!),mi ero reso conto che IntercoM era la voce più interessantee di gran lunga al di sopra di tutte le altre (tra le quali voglio salvareFuture Shock, che ha una coerenza propria e una voglia di approfondimentonon banali, e Terminus, il riuscitissimo esperimento di EmilianoFarinella e del GDR).
 

Conclusioni

Conseguenza: lettura di racconti vari sulla IASFM, iniziale apertura verso una lettura critica (non solo scientificamente) verso la SF, apertura verso i piu' costosi libri della Nord e l'immediata voglia di tentare discrivere qualcosa anch'io.
La prima cosa che IntercoM ha pubblicato di mio e' stata WaltDisney e la SF, articolo che avevo scritto un paio di mesi dopo averricevuto il primo fascicolo, che trovate anche on-line: l'ho riletto qualchemese fa e ho capito quanto IntercoM avesse influenzato il mio mododi vedere la fantascienza.
Ci ho pensato tante volte e ho realizzato che IntercoM ha contribuito non poco a farmi "crescere" come fruitore di SF.
 

Sulla fantascienza

Della fantascienza mi piace soprattutto il suo rapporto con la scienza: sia nell'aspetto divulgativo, sia in quello speculativo, e per il fattoche la fantascienza è, secondo me, un "ponte" che unisce l'interpretazione scientifica a quella umanistica.
Non ho uno scrittore preferito in particolare (tranne forse Rudy Rucker;in passato lo sono stati Isaac Asimov, Robert A. Heinlein, Orson ScottCard e Dan Simmons), pero' ho quattro romanzi preferiti:
- Il gioco di Ender, di O.S. Card
- Hyperion, di Dan Simmons
- Snowcrash, di Neal Stephenson
- L'uomo disintegrato, di Alfred Bester
Non hanno tanto in comune per quanto riguarda tematiche, strutturao altro, ma sono tutti romanzi molto "cerebrali" e apparentemente "lineari"...e questo dovrebbe dare indizi sul mio modo di vedere le cose...
 
 
 
 
 
 

Scrivimi


Indice: Articoli| Racconti | Links | Asteroidi| Io | Scrivimi | IntercoM

e-mail: marcomocchi@libero.it