fantascienza in Australia
 
REGGAN
 
La Terra Moltiplicata LA TERRA MOLTIPLICATA 

QUARANTINE
contorni
 * 
M.J. Tolley
 
 
 
 

cambio
di
rotta
Canada
vai in Europa
torna in Australiavai negli Stati Uniti 
 
 
 
Il 15 novembre del 2034 le stelle scomparvero allorché una sfera apparve all段mprovviso attorno al sistema solare. 33 anni dopo un investigatore privato segue le tracce di una donna scomparsa da un istituto psichiatrico. 
Dopo aver eliminato tutte le possibilità rimane solo l段mpossibile: è passata attraverso il muro. 
L段nvestigatore scopre un progetto di ricerca che intende porre sotto controllo le fondamenta della natura stessa: la meccanica quantistica. 
    Riconoscimenti:   Australian SF Award (Ditmar) 1993    Eidolon Recommended Reading List 1992    Locus Recommended Reading List 1992 
     


e esistesse un premio per il peggiore titolo italiano per una traduzione da una qualsiasi lingua estera, forse non sarebbe vinto da uno dei libri della Nord ma senz誕lto sarebbe riservato a un romanzo di SF. Cosa ci sarebbe stato di male a intitolare Quarantena la traduzione italiana di questo ottimo romanzo australiano? 
La terra moltiplicata si inserisce in uno dei filoni più attuali della science fiction, la speculazione sulla meccanica quantistica. In particolare, l段potesi dello sfondo porta alle estreme conseguenze il principio di indeterminazione di Heisenberg. Un altro leit motiv della nuova fantascienza, la nanotecnologia, si interseca con il precedente: il protagonista Nick Stavrianos potenzia le proprie facoltà mentali mediante software impiantato direttamente all段nterno del proprio cervello con nanovettori; si ritrova coinvolto in una disavventura in una comunità cinese nella parte nordoccidentale dell但ustralia, dove si svolgono ricerche segrete sulla fisica dei quanti. E interessante leggere come Stavrianos riesce a liberarsi dall段nvolontaria fedeltà totale alla multinazionale Ensemble, acquisita a forza a causa di un software iniettato, grazie a un ragionamento induttivo un po forzato ma senz誕ltro efficace. Il romanzo può risultare forse pesante in quelle parti in cui si dilunga sugli effetti della fisica quantistica, ma non è certo un libro di avventure. Il colpo di scena finale comunque non manca, ed è ammirevole il rigore con cui Greg Egan riesce ad estrapolare una serie di conseguenze per la struttura narrativa a partire dalle ferree limitazioni della fisica. 
    Franco Ricciardiello

 

 
scrivici