iinncciippiitt 
Poche battute dell'ouverture  riassumono l'opera che essa introduce; così la prima pagina di un romanzo ce ne suggerisce il tono, il ritmo, talvolta il soggetto.
[Roland Bourneuf - Réal Ouellet, L'Universo del Romanzo]

C'era una volta un sarto, che aveva tre figli e una sola capra. Ma siccome la capra li nutriva tutti col suo latte, doveva darle erba buona e condurla al pascolo ogni giorno. I figli lo facevano a turno. Una volta il maggiore la portò al camposanto, dove c'era l'erba più bella, e la lasciò pascolare e scorazzare. La sera, venuta l'ora del ritorno, domandò: Capra, hai mangiato a tua voglia? La capra rispose: Ho mangiato a mia voglia e non ci sta più una foglia: mèee! mèee!
[Jacob e Wilhel Grimm, Il tavolino magico, l'asino d'oro e il randello castigamatti]



Once upon a time and a very good time it was there was a moocow coming down along the road and the moocow that was coming down along the road met a nicens little boy named baby tuckoo...
[James Joyce, A portrait of the artist as a young man]

C'era una volta... -Un re!- diranno subito i miei piccoli lettori.
[Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio]

C'era una volta... Quale autore può ancora azzardarsi oggi a cominciare così la sua novelletta? - Che vecchiume! Che roba noiosa! - esclama il benevolo o piuttosto malevolo lettore, che, secondo il saggio avviso dell'antico poeta latino, vuole essere introdotto subito medias in res. Egli ha l'impressione che gli venga in casa un prolisso chiacchierone, il quale nemmeno è entrato, e già si mette a sedere comodamente e si raschia la gola, in procinto di attaccare un interminabile sproloquio. Ciò gli fa richiudere, seccato, il libro che aveva appena aperto. Ma l'editore della meravigliosa storia di mastro Pulce è invece convinto che quel modo lì di cominciare vada benissimo e sia anzi il migliore, motivo per cui i più eccellenti narratori di fiabe, che restano pur sempre le balie, le vecchie e simili, se ne sono serviti da che mondo è mondo.
[Ernst Theodor Amadeus Hoffmann, Mastro Pulce]

L'autore dovrebbe considerare se stesso non come un gentiluomo che offra un pranzo in forma privata o d'elemosina, bensì come il padrone d'una taverna aperta a chiunque paghi. Nel primo caso, colui che invita offre naturalmente il cibo che vuole, e quand'anche questo sia mediocre e magari sgradevole ai loro gusti, gli ospiti non debbono protestare; ché l'educazione impone loro d'approvare e lodare qualunque cosa venga loro posta dinanzi. Proprio il contrario accade al padrone d'una taverna. Quelli che pagano vogliono dar soddisfazione al proprio palato, anche quando questo sia raffinato e capriccioso, e se non è tutto di loro gusto, si sentono in diritto di criticare, di protestare d'imprecar magari contro il pranzo, senz'alcun ritegno.
[Henry Fielding, Tom Jones]

"I'm going to die," said Jones.
[Pat Cadigan, Synners] 

In una calda serata di luglio dell'anno 1588, nel palazzo reale di Greenwich, a Londra, una donna giaceva sul letto di morte, colpita al ventre e al petto da pallottole sparate da una mano assassina. Il suo volto era segnato da profonde rughe, i denti anneriti, e la morte non le conferiva alcuna dignità ma il suo ultimo respiro provocò tali echi da sconvolgere un intero emisfero. La Faery Queen Elisabetta Prima, sovrana assoluta d'Inghilterra, era scomparsa.
[Keith Roberts, Pavana] 

It can hardly be a coincidence that no language on Earth has ever produced the expression "as pretty as an airport."
[Douglas Adams, The long dark tea-time of the soul] 

Adam Appleby aveva la sfortuna, nel momento stesso in cui si svegliava, di sentirsi inondare la coscienza da tutte quelle cose a cui meno desiderava pensare. Altri uomini, ragionava, accoglievano ogni nuova alba con la mente e il cuore ristorati, pieni di ottimismo e determinazione, oppure si muovevano pigramente durante le prime ore del giorno in uno stato di beato intorpidimento, incapaci di qualsiasi pensiero sia piacevole sia spiacevole. Attorno al suo letto, invece, appollaiati come arpie, i pensieri spiacevoli aspettavano di balzargli addosso al primo sbatter di ciglia, e immediatamente lui si sentiva costretto, come un uomo sul punto di annegare, a rivedere in un istante la sua intera vita, diviso tra il rammarico per il passato e i timori per il futuro.
[David Lodge, E' crollato il British Museum] 

In primo luogo era ottobre, un mese eccezionale per i ragazzi. Non che tutti i mesi non siano eccezionali. Ma ce ne sono di buoni e di cattivi; come dicono i pirati. Prendete settembre, un mese cattivo: cominciano le scuole. Considerate agosto, un mese buono: le scuole non sono ancora cominciate. Luglio, ecco, luglio è veramente splendido: niente scuole. Giugno, senza dubbio, giugno è il migliore di tutti, perchè le porte delle scuole si spalancano e settembre è lontano un miliardo di anni.
[Ray Bradbury, Il popolo dell'autunno] 

Era inverno a Belleville e c'erano cinque personaggi. Sei, contando la lastra di ghiaccio. Sette, anzi, con il cane che aveva accompagnato il Piccolo dal panettiere. Un cane epilettico, con la lingua che gli penzolava da un lato.
[Daniel Pennac, La fata carabina]

Quando si svegliò, davanti a sé vide due angeli che facevano l'amore.
[K.W. Jeter, L'addio orizzontale] 

Immaginate le tenebre.
[Ursula K. LeGuin, Città delle illusioni] 

Cristo santo che cazzo di rottame sono diventato, ho la faccia che dimostra cent'anni, la gente si metterebbe a urlare se uscissi in strada, mi stanno cadendo i capelli, c'è una donna del Monopolio del Latte che mi vuole uccidere. Se scopre il mio indirizzo sono morto di sicuro.
[Martin Millar, Latte, solfato & Alby Starvation] 

"E' stato calcolato che il peso delle formiche esistenti sulla terra è pari a venti milioni di volte quello di tutti i vertebrati." Così lo scultore ottocentesco Amos Pelicorti detto il Mirmidone rispondeva a coloro che gli chiedevano perchè componesse le sue opere in mollica di pane. Da quando aveva letto la notizia su un giornale era rimasto a tal punto folgorato da lasciare le predilette sculture in marmo per il candore alternativo della farina. I suoi capolavori venivano sfornati caldi e dati in pasto alle formiche.
[Stefano Benni, La compagnia dei celestini]

presto sarebbe volato via pure quello stupido febbraio e il vecchio Alex si sentiva profondamente infelice ma in modo distaccato, come se la sua vita appartenesse - sensazione fin troppo tipica e cruda ne convengo - a qualcun altro
[Enrico Brizzi, Jack Frusciante è uscito dal gruppo]

Era stata una brutta serata, e quando cercò di ritornare a casa ebbe una terribile duscussione con la sua automobile.
[Philip  K. Dick, I giocatori di Titano]

Eravamo in quattro: George, e William Samuel Harris, ed io, e Montmorency. Ce ne stavamo seduti in camera mia, fumando e parlando di quanto eravamo mal ridotti... dal punto di vista medico voglio dire naturalmente.
[Jerome Klapka Jerome, The uomini in barca]

The sun rose slowly, as if it wasn't sure it was worth all the effort.
[Terry Pratchett, The light fantastic]

Se sono matto, per me va benissimo, pensò Moses Herzog. C'era della gente che pensava che fosse toccato, e per qualche tempo persino lui l'aveva dubitato. Ma adesso, benchè continuasse a comportarsi in maniera un po' stramba, si sentiva pieno di fiducia, allegro, lucido e forte. Gli pareva d'essere stregato, e scriveva lettere alla gente più impensata. Era talmente infatuato da quella corrispondenza, che dalla fine di giugno, dovunque andasse, si trascinava dietro una valigia piena di carte. Se l'era portata, quella valigia, da New York a Martha's Vineyard. Ma da Martha's Vineyard era riscappato indietro subito; due giorni dopo aveva preso l'aereo per Chicago, e da Chicago era filato in un paesino del Massachusetts occidentale. Lì, nascosto in mezzo alla campagna, scriveva a più non posso, freneticamente, ai giornali, agli uomini pubblici, ad amici e parenti e finì per scrivere pure ai morti, prima ai suoi morti poi anche ai morti famosi.
[Saul Bellow, Herzog]

Questa prima parte è il riepilogo di circa quattro anni. Non tenevo un diario, allora. Vorrei averlo fatto. Quello che so è che ora vedo quel periodo in maniera diversa da quando lo stavo vivendo.
[Doris Lessing, Il diario Jane Somers]

Nei giorni finali dell'ultima fase lunare d'Autunno, il vento cominciò a soffiare dalle montagne settentrionali e colpì le foreste morenti dell'Askatevar: un vento gelido, che sapeva di fumo e di neve. Avvolta nella sua pelliccia leggera, svelta e sottile come un animale selvatico, la ragazza Rolery scivolò tra i boschi in mezzo al tempestare delle foglie morte, allontanandosi dalle mura che sorgevano, pietra su pietra, sulla collina di Tevar e dai campi operosi per l'ultima messe. Si allontanò da sola, e nessuna la richiamò indietro. Si avviò lungo un esile sentiero che conduceva ad occidente, marcato e rimarcato, fino a formare solchi, dal passaggio dei radipedi diretti asud, e qua e là strozzato da tronchi caduti o da grandi ammucchiamenti di foglie.
[Ursula LeGuin, Pianeta dell'esilio]

Non sapete niente di me se non avete letto il libro intitolato Le avventure di Tom Sawyer, ma non ha alcuna importanza. Quel libro è stato scritto dal signor Mark Twain, che nel complesso ha detto la verità. Certe cose le ha un po' esagerate, ma nel complesso ha detto la verità. Non conosco nessuno che non dica bugie, una volta o l'altra, a parte zia Polly, o la vedova, o forse Mary. Di zia Polly, la zia Polly di Tom, cioè, e di Mary e della vedova Douglas, di loro è detto tutto in quel libro, che è un libro abbastanza veritiero; con qualche esagerazione, come ho già detto.
[Mark Twain, Le avventure Huckleberry Finn]

Mentre l'alba grigia strisciava sopra la città, Dortmunder tornò a casa e trovò May ancora in piedi, con addosso una giacca di lana tutta sformata e calzoni a quadri verdi. Quando sentì aprire la porta, May emerse dal soggiorno e sbucò nell'ingresso. Di solito chiedeva: -Com'è andata?- Invece, quella mattina disse con voce sollevata, ma anche nervosa: -Sei tornato.
[Donald E. Westlake, Un buco nell'acqua]


Alice cominciava a non poterne più di stare sulla panca accanto alla sorella, senza far niente; una volta o due aveva provato a sbirciare il libro che la sorella leggeva, ma non c'erano figure né dialoghi, <<e a che serve un libro>>, aveva pensato Alice, <<senza figure e senza dialoghi?>>
[Lewis Carroll, Alice nel paese delle meraviglie]


 

Hai un incipit da farmi conoscere?

mandalo o segnalalo ad 

ansible98@hotmail.com

Grazie.

  

  

Valeria Colombo HomePage