Herbert George Wells



H.G. Wells nacque in Inghilterra nel 1866 da una famiglia di umili condizioni. Riuscì comunque ad entrate alla Normal School of Science di Londra dove studiò biologia sotto il grande studioso, umanista ed evoluzionista T.H. Huxley (il nonno dello scrittore Aldous Huxley). Dal 1893 iniziò a vendere regolarmente racconti ed articoli.

Tra i primi articoli da lui scritti spicca "The Man of the Year Million" (1893), la descrizione dell'uomo così come lo scrittore pensa dovrà diventare grazie alla selezione naturale: testa ed occhi super sviluppati, mani delicate e corpo ridotto, immerso in fluidi nutrienti nelle profondità della terra a causa del raffreddamento del sole. Altri articoli del periodo sono "The Advent of the Flying Man", "An Excursion to the Sun", "The Living Things that May Be" (sulla possibilità della vita basata sul silicio) e "The Extinction of Man".

I suoi racconti iniziali descrivono soprattutto l'incontro tra l'essere umano e strane forme di vita, come in "The Stolen Bacillus" (1894), "In the Avu Observatory" (1894), "The Flowering of the Strange Orchid" (1894) ed "Aepyornis Island" (1894).

The Time Machine,

il testo originale in lingua inglese

The Chronic Argonauts, alcuni saggi scritti per la pubblicazione sulla rivista amatoriale The Science Schools Journal nel 1888, divennero nel 1985 la base per la sua prima opera di narrativa veramente importante, The Time Machine: An Invention, una trasposizione in romanzo che gli venne consigliata dal famoso editor W. E. Henley. Il romanzo traccia il percorso del futuro della vita sulla Terra seguendo un approccio evoluzionista: la razza umana si scinde secondo le due caratteristiche dello spirito dell'uomo, gli Eloi (esseri gentili) e i Molock (esseri bestiali) e poi lentamente decade con il raffreddamento del sole.

L'interesse di Wells per le idee politiche e per le riforme socialiste si ritrova nell'opera fantasy The Wonderful Visit (del 1895), nella quale, attraverso gli occhi di un angeli, si propone una visione critica sulla società tardo vittoriana.

La presenza della teoria evoluzionistica di Darwin come mezzo per sradicare le ingiustizie della società contemporanea, ricorre in queste opere, così come in The Island of Dr Moreau (1896) (trasposizione romanzesca di un suo articolo precedente, "The Limits of Plasticity"), storia di uno scienziato che popola un'isola abbandonata con animali geneticamente modificati in uomini, o "A Story of the Stone Age" (1897), un tentativo di immaginare le circostanze che hanno permesso all'uomo di abbandonare lo stato bestiale iniziale. Altre opere che possono ricollegarsi al tema sono i racconti "Under the Knife" (1896), "The Star" (1897), "The Man who Could Work Miracles" (1898), A Story of the Days to Come (1899) e il romanzo The Invisible Man: A Grotesque Romance (1897).

The War of the Worlds

il testo originale in lingua inglese

#

le copertine

#

illustrazioni interne

Con The War of the Worlds (1898) H.G. Wells introduce degli alieni che diventeranno un cliché usato (e abusato) dai futuri autori di fantascienza: invasori mostruosi e imbattibili che lottano contro gli umani una guerra senza quartiere per la sopravvivenza della rispettiva razza.

When the Sleeper Wakes (1899) è un'opera futurista sulla rivoluzione socialista, anche se Wells non credette mai in un socialismo proletario, convinto come era che la giustizia sociale potesse venire solo come imposizione da parte di una intellighenzia benevolente.

Con The First Men in the Moon (1901) continuò lungo la strada dei viaggi fantastici sulla luna descrivendo la società distopica dei seleniti.

Le opere appartenenti a questo periodo vennero etichettate dai critici con il termine scientific romances, un termine accetato dallo stesso Wells, anche se in seguito preferì riferirsi ad essi con la definizione "fantastic and imaginative romances". Queste prime opere, comunque, diventarono col passare del tempo forme archetipe per il genere letterario fantascientifico che si sarebbe sviluppato in seguito.

Per quanto riguarda, invece, le sue opere realistiche del periodo, il tema dominante è legato alle pretese e alle aspirazioni della classe media che stava formandosi in quel periodo [The Wheels of Chance (1896), Kipps (1905), The History of Mr Polly (1910), Bealby: A Holiday (1915) e Love and Mr Lewisham (1900)]. Non c'è da stupirsi che la sua produzione tenda essenzialmente verso il romanzo di idee e non verso il tomanzo di personaggi, ne sono esempio classicoTono-Bungay (1909), Ann Veronica (1909), The New Machiavelli (1910) e The World of William Clissold (1926).

Lentamente, partendo dai propri saggi, Wells iniziò ad indirizzare il suo interesse ad una attenta e razionale predizione del futuro divenendo un fondatore della futurologia con la serie di saggi raccolti poi sotto il titolo Anticipations of the Reaction of Mechanical and Human Progress upon Human Life and Thought (1901). Con la relazione pubblicata col titolo The Discovery of the Future (1902) cercò di giustificare il metodo di lavoro e da quel momento in poi abbandonò la sua immaginazione ampia e arguta a favore di una ricerca seria sui probabili sviluppi della storia futura e sulle riforme necessarie per creare un mondo migliore. I suoi saggi futuristici attrassero l'attenzione di Sidney e Beatrice Webb e nel 1903 si unì alla Fabian Society.

Da qui iniziò la sua carriera di crociato sociale che lo portò a fasi alterne di fortuna: cercò nel 1906 di assumere il comando della Fabian Society ma fallì e nel 1908 l'abbandonò; durante la prima guerra mondiale fu attivo all'interno del Movimento della Lega delle Nazioni; tra le due guerre fece discorsi in Russia, in Francia e in Germania; nel 1934 incontrò sia Stalin che Roosevelt, non riuscendo comunque a portarli sulle sue posizioni riguardo ai progetti di salvezza del mondo; con lo scoppio della seconda guerra mondiale abbandonò ogni progetto.

Nei suoi romanzi utopici, A Modern Utopia (1905) e Men Like Gods (1923), Wells descrisse delle società tecnologicamente sofisticate governate secondo principi socialisti, mentre in altre opere cercò di descrivere la nuova gente che avrebbe portato alla realizzazione di tali mondi: in The Food of the Gods e How it Came to Earth (1904) la nuova razza è prodotta da un super nutriente che amplifica sia il corpo che la mente; in In the Days of the Comet (1906) il cambiamento della personalità umana è causato dai gas presenti nella coda di una cometa... Lo scrittore, comunque si avvicinò sempre di più alla convinzione che si sarebbe potuto costruire un mondo migliore solo dopo l'abbattimaneto ell'ordine sociale presente. Fu per questo motivo che lo scoppio della prima guerra mondiale lo vide tra gli entusiasti (come mostrato in Mr Britling Sees it Through (1916)).

Non tardò, comunque, a provare una forte disillusione per le sorti dell'umanità fino ad arrivare a definire il periodo post bellico come "Age of Frustration"

Wells possedeva un'immaginazione prolifica che rimaneva comunque saldamente ancorata alle possibilità biologiche e storiche dell'uomo; ebbe una grossa influenza su quella che diventerà la fantascienza americana.

 

Il cinema si è spesso rivolto alle opere di Wells:

 

Infine una curiosità: H. G. Wells è stato usato anche come personaggio in alcune opere di altri autori di fantascienza: